Ultima modifica: 10 febbraio 2016
Home > Colori e sapori

Colori e sapori

Clicca sulla foto per ingrandire

Il progetto “Colori e Sapori d’Ogliastra” è il risultato di un lavoro di ricerca realizzato dagli studenti dell’Istituto Alberghiero e si propone di “raccontare” i colori, i profumi, le tradizioni e i sapori dell’Ogliastra.

Il punto di partenza è stata la descrizione degli ambienti naturali, dalle coste, le più conosciute, all’interno, verso il paesaggio dei Tacchi, dei Tonneri e dei Supramontes, “cuore antico” della nostra regione.

La grande ricchezza paesaggistica dell’Ogliastra è testimoniata dalla presenza di alcuni monumenti naturali: su 24 siti individuati dalla Legge 31 della R.A.S. come patrimonio naturale da proteggere e valorizzare, ben otto sono in Ogliastra: Perda ‘e Liana di Gairo, Valle Scistosa del Rio Pardu, Pedra Longa di Baunei, Punta Goloritzé di Baunei, Su Sterru di Baunei, Olivastri di Santa Maria Navarrese, Grotte Litoranee di Baunei – Dorgali, Scala di San Giorgio di Osini.

Abbiamo voluto dedicare un’attenzione particolare a questi monumenti naturali, non solo perché rappresentano la testimonianza delle straordinarie risorse di questo territorio, ma anche perché, secondo noi, simboleggiano il cuore delle popolazioni ogliastrine che hanno saputo tramandare nel tempo il valore del rispetto della natura.

Lungo il sentiero che si snoda idealmente attraverso questi otto monumenti naturali, abbiamo progettato il nostro itinerario gastronomico doc. Per realizzarlo siamo andati alla ricerca degli antichi sapori, cioè di quelle consuetudini alimentari e tradizioni gastronomiche che accompagnavano la quotidianità e i momenti di festa delle nostre comunità.

Quest’importante patrimonio informativo tradizionale lo abbiamo trascritto così come “i protagonisti” via via lo raccontavano, rispettando fedelmente le diverse parlate ogliastrine. Dalla tradizione sono scaturite le nostre proposte: 8 menù completi “dedicati” agli otto monumenti naturali. Alcuni piatti sono stati riproposti fedelmente, altri “spolverati” con un pizzico di modernità, per soddisfare le esigenze alimentari di oggi, ma sempre rispettando lo scenario naturale e umano di questa terra antica e suggestiva.

Il progetto è stato realizzato con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna, legge n. 26 del 1997 sulla “Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna”.

Il lavoro svolto è disponibile su CD-ROM multimediale e su volume illustrato.

Hanno partecipato al progetto gli allievi dell’Istituto Alberghiero con i docenti prof.ssa Graziella Piras, prof. Luca Marongiu, prof. Alessandro Tronci, prof. Graziano Della Valle, prof. Salvatore Longu, prof. Salvatore Castronovo e prof.ssa Luisa Usala.

 

 

Alcune fotografie del progetto:

 

Allegati




Link vai su